.
Annunci online

  maipress [ Credi in te stesso quando scrivi; dubitane, come un nemico, quando ti rileggi. ]
         


25 luglio 2009

E intanto il cielo ride

Sprazzi di pensieri misti...

L'estate che ti scorre davanti, e scoprire che ogni estate hai questa sensazione, per poi capire, tra l'altro, che anche ti sta accanto non è nuovo a questi stati d'animo.

Si dice sempre che non è "qualcosa" che ti infastidisce, ma che è "un insieme di cose".
Un insieme di sfighe, forse.
Una fottuta congiunzione astrale.

Il fatto che tu probabilmente avrai bisogno di qualcuno che non ci sarà.

E il mondo va avanti, bello placido come un treno in corsa.
Chi scende, chi sale.




permalink | inviato da maipress il 25/7/2009 alle 16:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



13 giugno 2009

Whatshername

Thought I ran into you down on the street
Then it turned out to only be a dream
I made a point to burn all of the photographs
She went away and then I took a different path
I remember the face but I can't recall the name
Now I wonder how whatsername has been

Seems that she disappeared without a trace
Did she ever marry old what's his face?
I made a point to burn all of the photographs
She went away and then I took a different path
I remember the face but I can't recall the name
Now I wonder how whatsername has been

Remember, whatever
It seems like forever ago
Remember, whatever
It seems like forever ago
The regrets are useless
In my mind
She's in my head
I must confess
The regrets are useless
In my mind
She's in my head
From so long ago

(Go, Go, Go, Go..)

And in the darkest night
If my memory serves me right
I'll never turn back time
Forgetting you, but not the time.




permalink | inviato da maipress il 13/6/2009 alle 12:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



20 maggio 2009

A questo punto

Uno si chiede se e quanto le dipendenze possano essere criticate e criticabili.

Se una dipendenza fa stare bene, e non è dannosa, almeno apparentemente...perché cercare di liberarsene?

Diverso è il caso in cui la dipendenza ti porta ad un continuo su e giù emotivo: tu hai BISOGNO di quella COSA, se non ce l'hai o la senti sfuggire (a torto o a ragione) bene non puoi stare.
E ne risenti, ovviamente.
E ne risente chi ti sta intorno.

Allora qual è la soluzione? Circondarsi di questa dipendenza?
Bah.
Non credo.

Vorrei solo liberarmi di quel sottile timor di tragedia che mi accompagna sempre.
E da sempre.




permalink | inviato da maipress il 20/5/2009 alle 19:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



15 aprile 2009

Davvero

Non credevo che sarebbe mai potuto accadere.

Entrare
nell'
ordine
di
idee.

Punto.




permalink | inviato da maipress il 15/4/2009 alle 20:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



23 marzo 2009

Meraviglioso

E' vero. Credetemi, è accaduto.

D'un tratto, qualcuno alle mie spalle, forse un angelo vestito da passante...o, più probabilmente, un mio amico dal sedile posteriore della macchina mi portò via dicendomi così:

"ma i giostrai hanno messo il cassonetto DAVANTI al tuo cancello??? NOOOOOOO dai, devo aver visto male!".

GRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR.

Io odio e detesto con tutta l'anima le ridicole e anacronistiche sagre dei paeselli ciliegiai.

Me ne ricorderò alle prossime elezioni.

Ma tanto, il popolo è bue e si sa dove andremo a finire.

Shit.




permalink | inviato da maipress il 23/3/2009 alle 19:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



7 marzo 2009

Millenovecentonovantadue

Io sono un amante discreto
non mi beccano mai.
Io sono un amico fidato
provami e vedrai.
Io sono un amante distratto
non mi ricordo il tuo nome
ma quando esce il tuo uomo
squilla il telefono
squilla il telefono.
E allora butta la pasta
e fammi capire che quello che vuoi
no non sono parole.
Dai metti la gonna
e lasciami fare,
vedrai che fra un ora sarà tutto migliore

Io sono un amante educato
non mi scoprono mai
Io sono lo scrigno privato
sei segreti tuoi.
Sarò il tuo calzino bucato
l'orso che gioca con te
e quando ti senti sola
prendi il telefono
prendi il telefono.
E dopo butta la pasta e fammi capire
che quello che vuoi no non sono parole
E metti la gonna e lasciami fare
e vedrai che fra un ora sarà tutto migliore.




permalink | inviato da maipress il 7/3/2009 alle 12:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



20 febbraio 2009

Light blue sky

Perché ci sono momenti in cui tu "non sei abbastanza".

Abbastanza "dentro" la cosa per poter giustificare il tuo stare male; o, almeno, il tuo stare COSI' male.

Abbastanza "capace" di leggere la cosa con gli occhi dell'altro.

Abbastanza "cinico" per non far trasparire a chi non sa, o meglio ancora non sa, sempre quel tuo stare male.

Abbastanza "pronto" a lanciare una risposta per le rime a chi non apprezza la tua incapacità di non farti coinvolgere da cose simili.

E negli stessi momenti, senti anche di non essere abbastanza "presente", anche se tu lo vorresti.

E sai che spesso, in questi momenti, chi è nel centro del vortice vuole un attimo di silenzio, di solitudine, di tregua.


E vorresti non essere costretto, proprio stasera e proprio domani sera, a fare il buffone e fingere di divertirti e di voler far divertire.

E sai che se mai ti arriverà un applauso, neppure lo sentirai.

Perché non sarai lì.

Non pianger più. Torna il diletto figlio
a la tua casa. È stanco di mentire.
Vieni, usciamo. Tempo è di rifiorire.

Troppo sei bianca: il volto è quasi un giglio.

Vieni; usciamo.
Il giardino abbandonato
serba ancóra per noi qualche sentiero.
Ti dirò come sia dolce il mistero
che vela certe cose del passato.

Ancóra qualche rosa è ne' rosai,
ancóra qualche timida erba odora.
Ne l'abbandono il caro luogo ancóra
sorriderà, se tu sorriderai.

Poi per te sola io vo' comporre un canto
che ti raccolga come in una cuna,
sopra un antico metro,
ma con una
grazia che sia vaga e negletta alquanto.

Tutto sarà come al tempo lontano.
L'anima sarà semplice com'era;
e a te verrà, quando vorrai, leggera
come vien l'acqua al cavo de la mano.




permalink | inviato da maipress il 20/2/2009 alle 14:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



7 febbraio 2009

Occhi

Poi, ho visto gli occhi tuoi
Rotolando verso casa
Chiamare i miei
Che bella sei
Che belle fai
Le belle sere
Sai, ho visto gli occhi tuoi
Quando scende
La bellezza
In fondo al cuore
Come vorrei……
Come sei bella
Flying away
Tu scendi da una stella
Flying away
Cosi’ talmente bella
Flying away……
Poi, ho visto gli occhi suoi
Come grano in mano al vento
Son ciliegie del mio pianto
Cosi’ tanto io ti sento
Sai, ho visto te con lui
Quando scende
La tristezza
In fondo al cuore
Come vorrei…
Come sei bella
Flying away
Tu scendi da una stella
Flying away
Cosi’ talmente bella
Flying away…..
Dov’e’
Che il vento
Ti porta via
Dov’e’
Che il cielo
Tramonta
Quando scende
La tristezza
E invade gli occhi
Come vorrei……
Come sei bella
Flying away
Tu scendi da una stella
Flying away
Cosi’ talmente bella
Flying away……
Cosi’ talmente bella
Flying away…….
E te ne vai
Te ne vai
Te ne vai….via….via…..via….




permalink | inviato da maipress il 7/2/2009 alle 14:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



12 gennaio 2009

Il problema

La mancanza di serietà è il principale problema dell'uomo moderno.

Ma non è possibile che il problema di taluni uomini moderni si espanda anche ad altri uomini moderni, che questa serietà perseguono.

Fanculo.




permalink | inviato da maipress il 12/1/2009 alle 22:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



3 gennaio 2009

Anno nuovo, vita identica

Oggi
È un sentire diverso
di voci e di suoni
di stupide rime
in dialetti lontani
Richiami
del sentito di già

In un oggi diverso da oggi
La cui somma di zeri fa ieri
Quando sarai sempre con me

Oggi
Vorrei scendere in strada
Parlare con tutti
E capire se i sogni
Poi vanno a finire lontano
O se restano qua

In un oggi sempre più cattivo
Dove tutto è da ricominciare
Per dare ad ognuno un amore che lo salverà
Semplicemente
Ed ora siamo qui
Per l’eternità
Chiusa dentro l’attimo
che l’amore spiegherà

Oggi apro le mie ali
E sento che domani
L’uomo volerà
Stretto nell’abbraccio
Di una donna che l’ama

Ma quest’oggi mi basta un sorriso
Per tornare alle cose di sempre
Amarti e non essere al mondo
Indifferente.




permalink | inviato da maipress il 3/1/2009 alle 11:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     giugno       
 


Ultime cose
Il mio profilo



Repubblica
Corriere della Sera
Ansa
Ratio
Elena


Blog letto 23181 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom